vuoto

Vuoto a perdere

mentre cammini

incurvato dal vento

che plasma

e ti da forma

e trascini,

una pianta callosa avanti all’altra,

il tuo flaccido e decomposto esoscheletro

che non contiene più nulla

se non percolato stagnante

che non è riuscito a gocciolare via con la pioggia.

G.U.

Annunci

Vuoto

E poi mi sfaldo e mi ritrovo nel bel mezzo del nulla

spezzettata e sparsa

a caso

 

Io vorrei, io potrei

ma ho dovuto

 

E poi mi sfaldo e mi ritrovo nel bel mezzo del nulla

 

Non voglio pensare, non devo

pensare

A cosa devo pensare

 

Ho freddo anche se mi siedo al sole

J.W.

Vuoto molle

E poi il vuoto, che persiste.

Incombe e ingoia. Ma non risputa.

Un vuoto molle.

 

E c’è il problema che questo vuoto si porta via il tempo a manciate.

Secca la lingua e gli occhi.

Impermeabilizza anche la pelle, e le cose scivolano via.

Come fossi diventata un piccione.

Ho inciampato, ci sono caduta dentro.

E non ho per niente voglia di alzarmi.

Si sta bene, in terra.

E poi c’è il problema che questo vuoto si porta via i suoni,

e gli odori

e i colori

e i volti

e i legami, che si spezzano e non fanno neanche rumore.

 

Mi metto comoda, ho l’impressione che non mi alzerò.

Per parecchio tempo.

Non mi preoccupo.

Di chi non mi viene a cercare.

Di chi mi chiede se mi voglio alzare ma non aspetta la risposta.

 

E poi c’è il problema che questo vuoto non si porta via il passato.

Ma lo accoglie e lo ripropone.

A ciclo continuo. Cocacola calda sgasata popocorn rancidi.

Anche le scene che avevo tagliato dal montaggio finale.

Mastico popcorn rancidi e gli annaffio con cocacola calda sgasata.

 

Ho esaurito le battute.

J.W.

 

66 5 4 3 2 1

Provi a fermare il tempo in ogni modo, e ottieni solo che rallenti di qualche minuto. Bella cazzata. Però in fondo ha un senso: come ogni buona prosa, la vita non ha un metodo.

K.S.

Aria

Fa torto al silenzio

l’eco delle parole

che rimbombano

servili all’orgoglio,

a una sorda grettezza.

 

Lascia muto questo vuoto!

 

Y.F.