stomaco

Il dubbio

Sto forse diventando vendicativa ed egoista poco a poco. Mentre tutto questo succede mi chiedo spesso se sia indicatore di regressione sulla mia personale linea del movimento, poiché sicuramente di avanzamento non si tratta, o se invece non abbia nulla a che fare con il segmento. Più l’istinto si approfondisce più mi riscopro ad essere capace di sensazioni ed emozioni viscerali quasi incontrollate che avevo sempre messo da parte in una costante ed errata ricerca della perfezione. Mi accorgo ora, forse tardi, chi lo può dire, che non esiste alcuna perfezione ad eccezione delle nature e dei loro meccanismi. Il resto è un’invenzione umana. Ecco quindi che le bestie che teniamo nascoste giù in fondo allo stomaco si risvegliano quando abbassiamo la guardia razionale che portiamo come un velo sulle nostre interiora, che solo in rari casi l’uomo non ama portare, dato il suo istinto di protezione. Ecco quindi che dopo molto tempo, anni e decenni, vorrei tornare indietro per non risparmiare nulla a nessuno, tanto meno a me stessa. Per farmi schifo, per farmi miseria, per vomitare ubriaca tutte le sere di vite e di alcol, ma soprattutto per dimostrare che gli esseri umani sono tutti uguali e che prima o poi ognuno cede al proprio animale, l’importante è non vergognarsene mai.

E di chi non cede c’è solo che da dubitare. 

I.M.

Annunci

66 5 4 3 2 1

Provi a fermare il tempo in ogni modo, e ottieni solo che rallenti di qualche minuto. Bella cazzata. Però in fondo ha un senso: come ogni buona prosa, la vita non ha un metodo.

K.S.

Sturmtruppen

allora, vecchio Joe, ti è piaciuto farti

male stasera?

secondo me sì, un po’ ci hai goduto, ti sei sentito

un po’ vivo.

e ora guardi le nuvole di fumo che

si spandono per la stanza, rievochi

il pugno allo stomaco che ti sei preso poche ore fa

e pensi che non ha fatto poi così male

anzi, ti dirò,

vecchio Joe,

che sei ogni volta più forte.

presuntuoso, sì, ma anche forte.

e devi convincertene tu per primo, sai?

che fai? un sorrisetto malizioso, di chi la sa lunga?

no, no vecchio mio, sei ancora ben lontano dal conoscere

queste cose

ti credi più furbo degli altri ma, lo hai appena

provato, si riesce ancora a coglierti in fallo,

ad assestarti un bel cazzotto.

non fa già più male dici?

sono contento, sono

contento per te.

un po’ ti invidio sai? il tuo distacco, il tuo sguardo,

il modo in cui osservi un fiore, o una donna,

il gesto che fai quando ti accendi un fiammifero,

la calma con cui giri un caffè e poi lo sorseggi.

immagino siano queste le tue sicurezze.

e per questo ti ammiro, e forse, senza troppa invidia,

ti stimo.

 

stammi bene

F.K.

 

Raggomitolati

A volte non si può far altro. E si resta così. Indicibilmente inermi. Chiusi a parare i colpi, anche se è da dentro che arrivano. Raggomitolati, per non sbriciolarsi come legno marcio. Si resta così, immobili, stretti.

Si resta così. Sigillati. Raggomitolati nel tentativo di frantumarla, quella cosa. Quella cosa che litri di inchiostro non sono riusciti a raccontare.

Quella cosa aggrappata al cuore, con le unghie, e nello stomaco, alle ossa, sotto la pelle. E nella testa, sibilo infinito indefinito, inquinante, che impone ritmi anomali e sovrasta il suono buono.

Quella cosa che ti altera il sorriso, che infetta il pensiero. Quella cosa che straccia un passato già logoro e sbiadito, e calpesta ricordi già instabili, e scardina il sentimento che ha travalicato l’impossibile per mutare, e sopravvivere. Per non soccombere, e non doversi biasimare, e compatire, e detestare.

E si resta così. Arresi. Con quei litri di inchiostro lasciati lì. Secchi e inutili. Fallimentari. Falsi. Osceni. E parole che non hanno il coraggio di affondare, di dire, di affermare. Che non possono affondare, dire, affermare.

Perché quella cosa deve essere vomitata, sputata, gridata. Con la voce, con il corpo, con gli occhi.

Non è cosa che può essere dissolta nell’inchiostro e dispersa sul foglio. Non si può e non serve scriverne.

E se non si può scriverne, si resta così.

Raggomitolati.

 

J.W.

 

Raggomitolati - E.Z.

 

Senza Titolo

Circondami. Danzami attorno. Afferrami e tirami.

Ora fammi correre, lasciami. Cado. Colpiscimi. E fallo con forza.

Una, due volte. Sento qualsiasi dolore ma vedo già più avanti.

Adesso abbracciami, lasciami piangere.

Fammi leggere le labbra e quando sorrido ritorna a colpirmi.

Prendi bene la mira, rompi qualsiasi cosa.

Labbra, cartilagine, ossa, pelle.

Vai giù e continua a colpire finchè non senti lo stomaco aprirsi.

E inghiottire tutto quello che c’è.

Guardalo chiudersi, ricucirsi. Accarezzalo, tienilo fermo.

E affonda di nuovo le dita.

 

S.A.

 

Lacrime di Sabbia - E.Z.