bar

Stavolta ci metto la faccia

Si stava seduti al bar, poco prima di cadere nella noia. Propongo: prendiamo il notturno? Aveva piovuto tutto il giorno, costringendoci al chiuso. Prendiamo al volo il bus. Ci sono i lavoratori della notte, un paio di barboni e qualche ragazzo stonato d’alcol. Ma le fermate sono infinite, e il saliscendi di facce strambe ci mette allegria. Così ci mettiamo a raccontare segreti. S. comincia con la sua omosessualità ancora nascosta: in paese pochi lo sanno e mia madre trattiene questa verità come fosse una bomba a orologeria. Amore e terrore, così decidiamo di intitolare questo suo racconto. Il bus svolta sul ponte e noi scendiamo: l’Arno è gonfio, quasi ci sfiora. Restiamo in silenzio tra i curiosi e i paurosi. Faccio il solletico a S. e lei si piega dal ridere: scemo! Seduti sul gradino di una chiesa, le confesso dei miei: mio padre sempre fuori per lavoro, mia madre sempre chiusa in casa senza amore. E poi le urla subite, gli abbracci improvvisi che culminavano spesso in attacchi di solletico. Avevo otto anni, poi finì la commedia. S. mi sta fissando come nessuno aveva mai fatto. La bacio, la stringo e mi metto a piangere come a nove anni davanti alla tavolata di Natale. Tutti sbigottiti, tutti fingendo stupore come davanti a un finale stranoto: nessuno che mi abbracciava. S. invece quasi mi stritola d’affetto nel dirmi che non aveva mai passato una notte così bella.

Così da quel giorno ogni tanto salgo sui notturni romani e vedo sfilare facce, culi e braccia e una volta a casa scrivo racconti di abbracci e corpi mai avuti. Stavolta ci metto la faccia. Un caro saluto Sandra.

P.S.

Propositi propositivi probabilmente improbabili – #2

troppo belle per non usarle tutte …

 


Foto, immagini ed elaborazione grafica splendidamente a cura di E.Z.

Nota: la scritta Campari, e il Campari, e la donnina col Campari (ma non il bicchiere) e il colore del Campari (ma non il colorante) appartengono solo alla ditta che fa il Campari, mentre il contenuto delle bottiglie è, grazie al cielo, prodotto dalla ditta del Campari, ma partimonio dell’umanità. Quindi non abbiamo rubato niente a nessuno e il copyright è loro. Anzi, forse gli facciamo pure pubblicità. Ma un po’ se la meritano, dai, su. Alè.

 

 

Taccuino all’Idrogeno – Luglio/Agosto 2010 – Numero 4

L’estate è nel pieno delle sue facoltà (caldo, sole, mare, montagna, sabbia tra le dita, che schifo, si appiccica tutto, devo stare a dieta, dai che ci beviamo una cosa, on the rock grazie, e bla bla bla) e nonostante l’impeto “vogliadivacanzasonnecchiosa” il Taccuino non molla e torna alla carica. E pure puntuale, olè. Pochi gli interventi nel blog negli ultimi mesi, causa lavoro, esami universitari e sì, pure più di qualche sfiga (porc!) che ci ha colti impreparati, però alla fine, eccoci un’altra volta. Un nuovo numero, un numero estivo, un numero gocciolato come i gelati che si sciolgono all’ombra di questo periodo. Come i costumi appesi ad asciugare. E non siate timidi, se non potete portarvi il pc sotto l’ombrellone (che state scherzando?! Non fatelo mai!!!), ci potete sempre stampare e vi staremo vicini vicini. In fondo funzioniamo bene come creme protettive appiccicose (e dai, lasciatevi spalmare), o anche come carta per degli ottimi falò in riva al mare. Noi siam curiosi di vedere chi imperterrito non abbandona la lettura nemmeno in vacanza. Qualsiasi sia lo scopo, beccatevi il link di questo bimestrale:

Taccuino all’Idrogeno – Numero 4

E speriamo vi gusti!

ps: ed ecco anche il link ad issuu per ogni eventuale difficoltà di lettura tramite blog:

Taccuino all\’Idrogeno – Numero 4 – Issuu

Buona lettura e buona estate a tutti!

Taccuino all’Idrogeno – Numero 2, Aprile 2010

10 aprile. Usciamo di nuovo su carta (almeno per i pochi “fortunati” raggiungibili) col secondo numero, come sempre imperfetto e in valutazione, ma vivo e in salute, e si auspica in crescita:

Taccuino all’Idrogeno – Numero 2

E informiamo quanti siano capitati da queste parti e ritengano di potere \ volere contribuire alle prossime uscite che ci sono alcune sedie libere al nostro tavolo. Scrivete!

taccuinoallidrogeno@hotmail.it

http://www.anobii.com/groups/0187cf6c6729c9e488/

Enjoy!

ps: e per chi avesse qualche problema di visualizzazione on-line e volesse tentare altri metodi eccoci qui, siamo anche su issuu  http://issuu.com/taccuinoallidrogeno/docs/taccuino_all_idrogeno_numero_2

Enjoy alla seconda!