alberi

Sweet Home Appennino

Quando le gemme prepotenti dei noci

                                                                    si fanno larghe, sinuose

dopo aver creato un arco,

protendono di nuovo verso il sole velato di un aprile stantio.

Irrigheremo con le lacrime e col sudore

                                                     i nostri orti sterminati,

                                                     i nostri pianeti

E verniceremo le nostre pareti di pietra,

addobberemo ciò che già é meraviglioso,

mangeremo fichi e pesche.

E fiorirà l’aspidistra,

                                                                 ma anche i rosmarini e le lavande

E ci sarà il blu

E l’indaco

del cielo

G.U.

Che strani sogni

Che strani sogni.

Fluttuare senza vergogna e senza vestiti nell’acqua piena di alberi.

Aggrapparsi ad un ramo in alto, pendere sull’acqua e ritornare sul tronco.

Percepire qualsiasi cosa a contatto con la pelle e non riconoscerne la differenza.

Vento che gonfia dei vestiti bianchissimi e dei capelli aggrovigliati.

Gli occhi che luccicano, nient’altro che acqua.

Saltare dalla banchina e continuare a guardare avanti.

Questi sono i sogni che dovrei fare ogni notte.

 

S.A.